Il Saluto alla Luna è una sequenza dinamica di posizioni, conosciuta soprattutto per gli effetti benefici che ha sulla qualità del sonno.

In realtà la pratica di questa sequenza è molto importante anche per riequilibrare le suddivisioni energetiche nel corpo.
Nel mondo dello yoga la luna è infatti considerata un elemento femminile (yin), complementare all’elemento maschile (yang), che rappresenta il sole.

L’uno è simbolo di energia, di estroversione, di attività; l’altra è simbolo di calma, di rilassatezza e di introversione.
Tutti noi possediamo entrambe le polarità, e di entrambe dovremmo avere cura.

A risvegliare la nostra energia maschile, ci pensa il saluto al sole, del quale ne abbiamo già parlato in un post precedente; oggi invece prendiamoci cura dell’altra polarità: Chandra.

Chandra namaskara

Il saluto alla luna, in sanscrito Chandra Namaskara, è meno conosciuto, praticato ed insegnato rispetto al saluto al sole; eppure questa sequenza di posizioni è molto importante in quanto è in grado di compensare, a livello energetico, il lavoro fatto dal saluto al sole.

Come per Surya Namaskara, anche per Chadra Namaskara si trovano tantissime versioni, abbastanza da far si che sia difficile capire quale è quella giusta.

Io credo che  non esista una versione corretta e una sbagliata, ma che esista la versione che meglio si adatta alle nostre esigenze in un determinato momento.

Quindi, un po’ come per la scelta dello stile di yoga, anche in questo caso vale la regola dello sperimentare quante più versioni possibile, in modo da stabilire quale sia la migliore per le nostre caratteristiche.

Alcune sequenze di saluti alla luna che si trovano nel web – o sui libri di yoga – sono molto simili al saluto al sole, e vengono eseguite per la maggior parte in piedi, mentre altre sequenze sono da eseguirsi a terra.

Quella che ti propongo oggi nel video-tutorial è una sequenza derivante dall’Hatha Yoga e si esegue a terra.

Trovo molto interessante questa versione perchè comprende anche le posizioni invertite, molto utili per ridurre ansia e stress e per aumentare la sicurezza in sé stessi.

Perché il Saluto alla Luna con le posizioni invertite?

Secondo l’antico testo di yoga Hatha Yoga Pradipika, la luna è localizzata nella gola, e il sole nell’addome. 

Nella gola si trova anche il nettare divino o Amrita, cioè  il mistico elisir dell’immortalità. Questo nettare è una sorta di dolce secrezione prodotta dalla ghiandola conosciuta come lalana chakra che si trova vicino al retro della gola.

“Tutto il nettare che fluisce dalla luna della divina bellezza è senza eccezioni divorato dal sole, ed è per questo che il corpo è soggetto alla vecchiaia e alla morte”  Hatha Yoga Pradipika III.77

Invertendo il corpo è quindi possibile rallentare il processo di invecchiamento, in quanto il nettare scende più lentamente nello stomaco per essere bruciato dal sole. Le posizioni capovolte hanno infatti effetti benefici sulla circolazione sanguigna e riequilibrano l’attività dell’ipofisi con effetti positivi anche sul sistema endocrino.

Quando va fatto il saluto alla luna?

Il saluto alla luna, come dice la parola stessa, va fatto quando si alza il sole…

???

Scherzavo.  🙂

Come abbiamo anticipato il saluto alla luna va eseguito la sera, proprio perché rappresenta la pratica di chiusura della giornata, che compensa il lavoro energetico fatto da Surya Namaskara.

Immagino che a questo punto tu stia brontolando, perché va bene fare yoga la mattina, ma anche la sera?

Dopo che ho lavorato una giornata intera, dopo che ho cucinato, sistemato la casa e  messo a letto la famiglia l’unica cosa che voglio fare è stravaccarmi sul divano e collassare, non certo mettermi sul tappetino a salutare una luna che magari non riesco nemmeno a vedere.

Ti capisco.

Ciò nonostante ti assicuro che, se troverai la forza di metterti sul tappetino e fare qualche saluto alla luna, la qualità del tuo sonno migliorerà notevolmente, ti sveglierai più riposato e pronto ad affrontare la giornata.

Anche in questo caso.. non ti resta che  provare per credere!

Una valida alternativa al saluto alla luna potrebbe essere quella di fare una session di Yin yoga.
Si tratta di un tipo di yoga molto rilassante in cui le posizioni vengono mantenute anche per lungo tempo.

Se vuoi saperne di più sugli stili principali che compongono l’universo dello yoga, ti suggerisco di leggere il post:  Yoga: ecco come iniziare.

Perché fa bene?

Abbiamo già detto che, dal punto di vista energetico, il saluto alla luna fa bene perché riequilibra le energie.

Nello specifico questa serie di posizioni lavorano in profondità, per elasticizzare e tonificare il corpo e gli organi interni, rinforzando gli addominali, migliorando la circolazione sanguigna, favorendo la calma e, soprattutto, riducendo e prevenendo l’insonnia.

Il saluto alla luna è particolarmente utile alle donne, in quanto aiuta a regolarizzare il sistema ormonale. (Anche a qualche uomo di tanto in tanto farebbe bene!!)

Come per il saluto al sole, anche nel saluto alla luna la concentrazione costante sul respiro e sul movimento, durante l’esecuzione degli asana, rende la sequenza una sorta di meditazione fluida, in grado di alleviare lo stress e la depressione.

Come si fa?

Se il saluto al sole rappresenta la forza e l’energia, il saluto alla luna, che serve per chiudere la giornata, rappresenta la calma e la tranquillità.
Per questo il ritmo con il quale viene eseguita la sequenza deve essere il più lento possibile, ovviamente senza sacrificare il respiro.

Cerca di eseguire le 12 posizioni che compongono la sequenza in modo armonioso e fluido, abbinando il respiro ai movimenti.

Se ti risulta difficile o impegnativo, prova a mantenere più a lungo ogni singola posizione, raddoppiando o triplicando i respiri.

Di seguito trovi il nome di ogni specifica posizione, ma per capire come fare la sequenza, ti suggerisco di dare un occhiata quest video-tutorial:

  1. Posizione del saluto (Namaskara mudra)
  2. Posizione della mezza luna aperta (Ardhachandra purvottanasana)
  3. Posizione della pinza, con le mani alle ginocchia (Pashimottanasana, variante)
  4. Posizione della barca (Paripurna Navasana)
  5. Posizione del pilastro (Stambasana)
  6. Posizione senza sostegno (Sarvangasana, variante)
  7. Posizione dell’aratro (Halasana)
  8. Posizione delle ginocchia alle orecchie (Karnapidasana)
  9. Posizione della barca (Paripurna Navasana)
  10. Posizione della pinza (Pashimottanasana)
  11. Posizione della mezza luna aperta (Ardhachandra purvottanasana)
  12. Posizione di saluto alla luna (Chandranamaskara mudra)

Controindicazioni

Poichè fanno parte della sequenza alcune posizioni invertite, è bene prestare attenzione se si soffre di dolore cervicale e di ipertiroidismo.

Anche alle donne nei primi giorni di ciclo è consigliato evitare le posizioni invertite.

Come sempre, vale la regola che le posizioni non devono mai essere forzate e che si deve sempre praticare entro i propri limiti.

Nel video tutorial ti mostro la versione originale ed una versione semplificata.

Non sforzati di voler arrivare ad eseguite subito perfettamente le posizioni, concentrati piuttosto ad ascoltare il tuo corpo e fare quello che puoi, accettando i tuoi limiti. Vedrai che con il tempo ti sembrerà sempre più facile!

Se sei “alle prime armi con lo yoga”, ti suggerisco di scaricare (gratis) questa lezione di yoga specifica per principianti.


E’ una lezione perfetta se non hai mai fatto yoga, o se non lo pratichi da tempo e senti di aver bisogno di una “rinfrescata“.

In questa lezione vedremo come eseguire le posizioni base dello yoga, la differenza fra yoga e stretching e l’utilizzo del respiro nella pratica.
  • Stile di Yoga: Hatha Yoga
  • Durata Lezione: 40 minuti
  • Livello: Tutti i livelli

Cliccando sul pulsante verrai anche iscritto alla newsletter di Yoga n’ Ride, e riceverai i prossimi articoli che pubblicheremo direttamente nella tua casella e-mail. Per maggiori informazioni puoi consultare la Privacy Policy ed i Termini e Condizioni di utilizzo di Yoga n' Ride.

Beh, non mi resta che augurarti buona pratica, magari guardando la luna…

Di sera vedo il sole far l’amore con la luna e poi allontanarsi in fretta per non bruciarla.  E vedo la luna morire di freddo, ogni sera.
(@iparchia, Twitter)

P.S: Se leggere questo post non ti ha fatto venire la  la luna storta… allora condividilo sui tuoi social network, magari così la raddrizziamo a qualcuno!! 🙂

Enjoy the Ride!