#4 Migliora la flessibilità con lo yoga… tutto il corpo

Questo articolo è il 4° articolo di una serie di contenuti che hanno lo scopo di aiutarti a migliorare la flessibilità.

Utilizza i link qui sotto per accedere alle altre lezioni:

Una cosa che mi capita piuttosto spesso di sentirmi dire, da chi si avvicina per la prima volta alla pratica, è:  io non sono abbastanza flessibile per fare yoga.

Non c’è bisogno di essere flessibili per fare yoga: è lo yoga che ci rende flessibili.

La realtà è che ognuno di noi ha una propria flessibilità, dettata da un insieme di fattori che ci contraddistinguono e che ci rendono persone uniche.

Mi capita spesso di vedere persone che alla loro prima lezione dimostrano di essere già molto flessibili, e altre invece che sono incriccate come dei paletti.
Quando ho iniziato a praticare, io facevo parte di questa seconda categoria… poi le cose sono cambiate, e non per magia, ma grazie alla pratica.

Fare yoga con regolarità vuol dire intraprendere un percorso che di per sé ci porta ad acquisire flessibilità…  e, molte volte, più si è incriccati quando si inizia a praticare, più diventa facile riscontrare dei benefici immediati.

La flessibilità è perciò una caratteristica che si acquisisce praticando yoga, non una prerogativa per iniziare.

Per poter ottenere buoni risultati, però, servono due ingredienti fondamentali, ovvero:

  • pratica;
  • … e poi ancora un po’ di pratica. 🙂

E per aiutarti a trovare ” tutta questa pratica”, un consiglio che ti posso dare è quello di farla diventare un’abitudineNello specifico, una buona abitudine mattutina.

Perché proprio la mattina?

Perché è il momento della giornata in cui la nostra mente è più tranquilla (e forse anche l’ambiente che ci circonda), perché la mattina è più facile trovarsi nella condizione corretta per praticare (ovvero con lo stomaco vuoto), e soprattutto perché, per praticare yoga la mattina, basta solo ricordarsi, alla sera, di puntare la sveglia un quarto d’ora prima. 🙂

Facile no?

Forse più a dirsi che a farsi, ma ti assicuro che una volta che sarai riuscito ad adottare questa abitudine, non solo il corpo e la mente diventano più flessibili, ma molti aspetti della tua vita miglioreranno.

Quali posizioni fare?

Le posizioni dello yoga sono moltissime, (qualcosa come 8 milioni e quattrocentomila, per l’esattezza), e capire quali fare e come abbinarle tra di loro è un compito abbastanza complesso… e normalmente riservato agli insegnanti.

Ciò non toglie che puoi tranquillamente fare yoga anche da solo; esistono infatti delle sequenze complete e facili da imparare, che lavorano su tutto il corpo.

La più famosa è il Saluto al sole, e in questa ultima puntata del mini-corso di yoga per aumentare l’elasticità, lo praticheremo per tre volte, preceduto da qualche asana di riscaldamento.

Il Saluto al Sole è una sequenza dinamica di 12 posizioni, che si eseguono in abbinando il respiro al movimento, ed è perfetto per allungare, distendere, e rinforzare tutti i muscoli del corpo.

Per capire meglio come e perché il saluto al sole è la pratica yoga più famosa, puoi dare un occhiata al post: Il saluto al sole, cos’è, come farlo e perché fa bene >>

Nel video di 20 minuti che troverai di seguito, praticheremo il Saluto al sole nella versione dell’Hatha Yoga; una volta che avrai imparato ad eseguire a memoria l’intera sequenza, potrai farla seguendo il tuo ritmo di respirazione, concentrandoti sull’abbinare le posizioni al respiro.

Se deciderai di prendere la buona abitudine di praticare la mattina, o quest’abitudine l’hai già fatta tua, considera che, quando ci svegliamo, il corpo è molto rigido, e iniziare di tutta fretta a fare saluti al sole a raffica, magari perché siamo in ritardo sulla tabella di marcia, non è il massimo.

L’ideale sarebbe prendersi del tempo per fare qualche asana di riscaldamento, e in questo video ti mostrerò come fare.

 

In fine, voglio suggerirti alcuni accorgimenti che puoi utilizzare per continuare ad allenare la tua flessibilità, anche durante il corso della giornata.

  • Approfitta dei momenti “morti” per  sciogliere le articolazioni, facendo qualche rotazione con le caviglie, i polsi, le spalle, la testa.
  • Ogni tanto, ricordati di portare l’attenzione alla mascella, e rilassarla. Fai lo stesso anche con le spalle e gli altri punti del corpo nel quale sei solito accumulare tensioni.
  • Quando ti è possibile, prima di fare yoga, fai un bagno o una doccia calda, in questo modo i muscoli saranno più predisposti all’allungamento.

Bene, per ora è tutto!

Se oltre al Saluto al Sole ti dovesse venir voglia di fare qualche altra sequenza, ti ricordo che su Yoga n’ Ride abbiamo pronte per te decine di lezioni differenti, e tanti corsi e programmi di yoga online ai quali puoi iscriverti.

Clicca qui per scoprire come funziona >>

Ci vediamo sul tappetino, e buon allungamento!

2017-10-05T13:58:40+00:00

About the Author: Laura

Ho creato Yoga n' Ride con lo scopo di condividere con te i fantastici benefici dello yoga... e per mettere a tua disposizione un centro Yoga che non chiude mai. Se vuoi scoprire qualcosa in più su di me, lo puoi fare cliccando qui >>

Leave A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.