La respirazione yogica completa è considerata la respirazione ideale, grazie alla quale è possibile utilizzare al massimo la capacità polmonare.

Quindi, se non sei capace di leggere tutto questo post trattenendo il respiro, vuol dire che devi assolutamente imparare a leggere più veloce… oppure devi provare questa tecnica di respirazione, che ha veramente un sacco di benefici.

La respirazione yogica completa è la respirazione ideale, quella che fanno istintivamente i neonati e i nostri animali domestici.

Col tempo abbiamo perso la capacità di respirare correttamente ma, attraverso semplici esercizi come quelli che ti spiegherò fra poco, è molto facile tornare a controllare il respiro.

Imparare a conoscere e controllare il nostro respiro è fondamentale per vivere bene, per sentirci meglio, per gestire le emozioni, e per farci chiarezza mentale.

Se vuoi scoprire altre interessanti informazioni legate alle tecniche di respirazione, che in sanscrito, la lingua dello yoga, si chiamano Pranayama, puoi dare un occhiata a questo post: Cos’è il Pranayama, come si fa e perchè funziona.

La respirazione yogica completa non ha controindicazioni, ed è pure GRATIS…

Tanto vale provare, no?

Puoi ascoltare questa utilissima audio-guida, nella quale ti spiego, respiro dopo respiro, come eseguire la respirazione yogica completa.

 

Oppure puoi seguire queste indicazioni:

Inizia mettendoti in una posizione comoda: in piedi, seduto o sdraiato a pancia in su.

  • Appoggia le mani sulla pancia e rilassa il respiro.
  • Mantieni la colonna diritta per tutta la durata della pratica.
  • Inspirando presta attenzione all’addome che si espande.
  • Espirando svuota completamente i polmoni contraendo  leggermente gli addominali.
  • Ripeti per qualche respiro rimanendo ad osservare le mani che si sollevano spontaneamente con l’inspiro e si abbassano con l’espiro.

Questo è il tuo respiro addominale, utilizza la parte bassa dei polmoni.

Ora appoggia le mani ai lati del torace, sopra le costole.

  • Inspirando senti la pancia che si espande e l’aria che sale espandendo il torace.
  • Espirando il torace si comprime, l’aria scende e la pancia si sgonfia contraendo leggermente gli addominali.
  • Ripeti per qualche respiro, concentrandoti sull’espansione della cassa toracica con l’inspiro e la contrazione con l’espiro.

Questo è il tuo respiro toracico, utilizza i lobi laterali dei polmoni.

Ora, appoggia le mani sotto le spalle, all’altezza delle clavicole.

  • Inspirando la pancia e il torace si espandono.
  • Prova a portare l’aria fin sotto le spalle. Dovresti percepire un leggero sollevamento delle mani.
  • Espirando rilassa le spalle, comprimi il torace e sgonfia completamente la pancia con una leggera contrazione addominale.
  • Ripeti qualche respiro, concentrandoti sull’espansione della zona delle spalle e collo.

Questa è la tua respirazione clavicolare, utilizza la parte alta dei polmoni.

Unendo le tre fasi di respirazione in unico e armonico atto, portando l’attenzione alle varie fasi del respiro – prima addominale, poi toracico, poi clavicolare – stai facendo esattamente una respirazione yogica completa e stai utilizzando al massimo la tua capacità polmonare.

Respirazione Yogica Completa

Quando sei stressato o in un momento di sconforto, quando vorresti tamponare il vecchietto che ti sta facendo arrivare tardi al lavoro, quando al supermercato non hai l’euro per il carrello, quando stai arrampicando e ti prende il panico: prova a fermarti, fai tre respirazioni yogiche complete e…

Keep breathing !