Hai presente cos’è lo stress?

Forse non conosci la sua definizione scientifica, ma sono sicura che almeno una volta nella vita, per non dire tutti i giorni, l’hai dovuto provare.

Lo stress è uno stato di apprensione fisica e mentale, ed è generato dall’incapacità di un individuo di far fronte ad un accumulo di tensioni.

Le tensioni sono generate da diversi fattori: se esci di casa alle sei, ti fai due ore di macchina per arrivare in ufficio, di cui una di colonna, arrivi in ritardo e ti salta un appuntamento con un cliente importante, tornando a casa buchi una gomma e in più ti tocca andare a cena dalla suocera proprio la sera della partita di calcio… beh, sarà anche sfortuna, ma l’accumulo di tutte queste tensioni i chakra te li sballa, eccome!

Quando siamo soggetti a delle tensioni fisiche ed emotive il nostro corpo rilascia ormoni che si moltiplicano nel sistema, facendo aumentare il battito cardiaco, l’intensità del respiro e causando il restringimento dei vasi sanguigni. Tutto questo si traduce in: malumore, mal di testa, ipertensione… ma anche depressione e forte ansia.

A seconda della sua origine lo stress si può manifestare anche come affaticamento, irritabilità, dolori addominali, mal di schiena, insonnia, inappetenza, e vulnerabilità verso i virus.

E’ probabile che le persone che scelgono di passare tutta la giornata a meditare in cima ad una montagna, e non hanno la preoccupazione di dover timbrare il cartellino, portare i figli a scuola, comprare una casa o delle mille situazioni ed imprevisti che la frenesia della vita moderna ci sottopone, siano libere dallo stress.

Ma quella è una scelta di vita che appartiene a pochi.

E noi, che tutto questo lo dobbiamo affrontare, cosa possiamo fare?

Girare lo stress a nostro vantaggio è la soluzione migliore, e il fatto di riconoscere di essere stressati è il primo passo per cominciare ad eliminarlo.

Il secondo passo è… passare all’azione!

E per ottenere dei buoni risultati in poco tempo, il SEGRETO è dedicare ad una tecnica di rilassamento 5 o 10 minuti TUTTI I GIORNI. 

Il segreto è regalarsi un momento di rilassamento.

Scegli quanto tempo dedicare alla pratica e fai in modo di farlo quotidianamente. Falla diventare un’abitudine, un momento speciale della giornata da dedicare a te stesso.

Per esempio quando torni a casa dal lavoro, prima di cominciare la tua “giornata famigliare”, scegli un angolo della casa da dedicare al tuo rilassamento quotidiano. Fai in modo che non ci siano Tv, telefoni o altri stress da tecnologia moderna a disturbarti.

Devono essere  10 minuti solo per te!

Lo yoga utilizza varie tecniche e posizioni di rilassamento che hanno l’obiettivo di eliminare le tensioni, fisiche e mentali, per raggiungere il rilassamento completo di tutto il corpo, regalandoci una sensazione di benessere generale.

Shavasana

La migliore fra posizioni di rilassamento che lo Yoga ci insegna è Shavasana, che tradotto dal sanscrito sarebbe “posizione del cadavere” ma non è molto carino per cui è spesso chiamata con il suo nome originale.

La tecnica è semplicissima, basta mettersi sdraiati a terra, rilassare il corpo, concentrarsi sull’ascolto del respiro e delle sensazioni.

Perché funziona?

Il meccanismo è quello di tenere la mente impegnata  a far qualcosa. In questo modo la nostra mente non ha spazio per pensare ad altro, tipo al vestito da mettere, alla cena da preparare, al capo o al cane del vicino. Rimane focalizzata sul momento presente e su quello che stiamo facendo, SENZA DISTRAZIONI.

Per assurdo dobbiamo imparare a impegnare la mente, dandole dei compiti da svolger, per poi ritrovarla rilassata… ma funziona così.

Vuoi provare? 

  • Sdraiati a terra, a pancia in su.
  • Le gambe sono leggermente divaricate, con le punte dei piedi abbandonate verso l’esterno.
  • Le braccia sono lungo i fianchi, un po’ staccate dal corpo.
  • I palmi delle mani rivolti verso l’alto.
  • La testa allineata con la colonna.
  • I denti staccati.

Questa è la posizione ideale. Adattala in funzione delle tue esigenze per fare in modo che ti risulti comoda al 100%.

Cosa devi fare? Niente! 

Fatto nel modo corretto, “il dolce far niente” è la miglior medicina”.

  • Chiudi gli occhi.
  • Cerca di rimanere fermo per tutta la durata della pratica.
  • Rilassa il peso del corpo sul pavimento.
  • Comincia a portare l’attenzione al respiro.
  • Rimani in ascolto dell’aria che entra ed esce, attraverso le narici.
  • Comincia ad eseguire qualche respirazione yogica completa.
  • Prima di uscire dalla posizione, riporta l’ascolto al corpo cominciando a muovere mani e piedi.
  • Mantenendo gli occhi chiusi, lentamente ruota su un fianco e aiutati con le mani per riportarti in posizione seduta.
  • Ringrazia il tuo corpo e la tua mente per la pratica o pensa a qualcuno a cui vuoi dedicala.

TIPS

  • Usa una coperta per non sentire freddo durante la pratica.
  • Usa un cuscino da mettere sotto la testa o la schiena.
  • Potresti trovati comodo anche con le piante dei piedi appoggiate a terra, le gambe leggermente separate e le ginocchia a contatto piegate all’interno.
  • Eseguita prima di andare a letto, è molto utile anche per eliminare l’insonnia.

 

I benefici nello sport

Shavasana è molto utile da fare anche subito dopo l’attività sportiva per interiorizzare il lavoro fisico e per rallentare la produzione di acido lattico. Dopo una corsa, il climb, il surf, o anche solo una camminata, rilassati qualche minuto in questa posizione per ottenere il massimo dei benefici dall’attività sportiva e per il benessere generale di tutto il corpo.

ShavasanaYoga n’ Ride version:

  • Metti della buona musica…
  • Sdraiati sul tappeto, rilassati e rimani in ascolto…
  • Cerca di distinguere i suoni dei vari strumenti…
  • Scegline uno che ti piace in modo particolare
  • e rimani in ascolto….

That’s yoga!

Keep riding e se ti va…. condividi questa semplice pratica sui tuoi social network! 

Keep relaxing!