Yoga e depurazione completa per i cambi di stagione … ma non solo

Una delle consapevolezze che maggiormente contraddistingue le culture orientali, e che anche noi occidentali sembriamo aver integrato nella nostra, è il fatto che corpo e mente sono una cosa sola, e non due realtà separate… e che il nostro stile di vita influenza notevolmente questi due aspetti: se ci prendiamo cura del corpo, anche la mente ne trae beneficio, e viceversa.

Questo concetto, che sta alla base dello yoga e dell’ayurveda, ci torna molto comodo per affrontare l’argomento di questo articolo, ovvero il magico mondo della “depurazione”.

Il nostro corpo, di per sé, è stato progettato per svolgere da solo i necessari processi di depurazione che lo aiutano a mantenersi pulito ed efficiente, tuttavia ci sono dei momenti in cui, specialmente nei cambi di stagione, dopo una convalescenza, o dopo un periodo particolarmente intenso e difficile a livello emotivo, anche lui ha bisogno di un aiutino da parte nostra per contribuire ad eliminare le scorie nocive.

In questo articolo approfondiremo le diverse sfaccettature della depurazione da un punto di vista dello yoga, dell’ayurveda e della meditazione. In particolare parleremo di:

Iscriviti alla newsletter di Yoga n' Ride

...è il modo migliore per ricevere interessanti contenuti sul magico modo dello yoga, dell'ayurveda, e della meditazione

Cliccando sul pulsante accetti la Privacy Policy ed i Termini e Condizioni di Yoga n’ Ride.

Perché la “depurazione”?

Quanto è bello avere un corpo fisico?

Molte volte lo diamo per scontato, ma è grazie al nostro corpo che possiamo manifestare ciò che abbiamo dentro, e godere dei piaceri della vita. Grazie al nostro corpo possiamo relazionarci, divertirci, correre, viaggiare, e attraverso i sensi, avere esperienza di tutto ciò che ci circonda.

Tuttavia “avere un corpo” è anche un impegno, e inevitabilmente passiamo la maggior parte del nostro tempo cercando di far fronte alle sue esigenze, come mangiare, bere, dormire… fino al punto in cui ci troviamo ad approfittare di queste azioni basiche (e necessarie per il nostro sostentamento) e le tramutiamo in ricerche di piacere, o eccesso di piacere, magari mangiando più del dovuto, bevendo più del dovuto e oziando più del dovuto.

E’ normale, ed è piuttosto comprensibile che sia così. Abbandonarsi ai piaceri della vita, concedersi qualche peccato di gola o una giornata di ozio, fa bene anche allo spirito.

Tuttavia dobbiamo considerare che il nostro stile di vita, lo stress, la scarsa attenzione all’alimentazione, il fumo, l’inquinamento, e chi più ne ha più ne metta, contribuiscono a dare un gran bel lavoro da fare ai nostri organi, con il risultato che molte volte essi non riescono più a supportare tutto il lavoro che gli diamo da fare… ed è allora che iniziano a manifestarsi gli eccessi di tossine.

Le tossine sono delle sostanze chimiche invisibili che si trovano nell’aria, nell’acqua e negli alimenti… ma non solo. Molte tossine vengono prodotte in modo naturale dal corpo stesso, come sostanze di scarto dei processi metabolici, cioè quell’insieme di operazioni che il nostro corpo mette in atto a nostra insaputa per garantirci il sostentamento.

Il risultato, come conseguenza, è che siamo completamente “bombardati” da tossine.

Tutto ciò non deve farci preoccupare più del dovuto, in quanto il nostro corpo è stato progettato per eliminare queste sostanze nocive, e lo fa in vari modi: attraverso la pelle, con la sudorazione, attraverso i polmoni, con la respirazione, e attraverso gli organi interni, in particolare il fegato, l’intestino ed i reni.

L’organo che più di tutti si occupa di “fare pulizia” è il fegato, una grossa ghiandola che ogni minuto della nostra esistenza svolge l’importante funzione di filtrare e depurare circa due litri di sangue.

Le sostanze di scarto idrosolubili vengono inviate, attraverso la circolazione, ai reni, che a loro volta hanno il compito di eliminarle attraverso la pipì, mentre le sostanze liposolubili attraverso la bile vengono inviate nell’intestino ed eliminate attraverso le feci.

Niente di complicato, insomma. E’ il normale processo fisiologico per il quale il nostro corpo è stato “progettato”.

Dobbiamo però pensare che generalmente un accumulo di tossine può manifestarsi in vari tipi di “problemi”, come per esempio:

  • alitosi
  • disturbo del sonno
  • stanchezza persistente
  • peggioramento dei problemi infiammatori come artrite e asma
  • problemi digestivi
  • ulcere o emorroidi
  • aumento di acne, psoriasi, eczema ed altre malattie della pelle
  • confusione mentale
  • dolori muscolari e articolari
  • peggioramento dei sintomi premestruali

Le tossine secondo l’ayurveda

Da un punto di vista ayurvedico, il cibo che ingeriamo e che per ragioni di “natura emozionale” non viene digerito, come conseguenza ad esempio delle situazioni che non abbiamo accettato e che non siamo riusciti a mandar giù o a “digerire”, contribuisce a creare tossine che vengono definite “ama”.

Quando ama si accumula può essere causa di molti disturbi come quelli che abbiamo visto in precedenza e che, con il tempo, se non vengono trattati, possono trasformarsi in vere e proprie patologie.

Sempre secondo l’ayurveda, per far fronte l’accumularsi delle tossine nel corpo, è importante prendersi cura di Agni, ovvero il fuoco biologico che governa il metabolismo.

Come riportato nel libro: Ayurveda: la scienza dell’autoguarigione:

“Agni è presente e necessario in ogni tessuto e cellula per mantenere la nutrizione dei tessuti e il meccanismo immunitario. Distrugge i microrganismi, i batteri e le tossine estranee nello stomaco e nell’intestino tenue e crasso. In questo modo protegge la flora batterica di questi organi.

Fino a che agni funziona adeguatamente, i processi della scomposizione del cibo e dell’assimilazione nel corpo opereranno armoniosamente.

Quando agni è indebolito a causa di uno squilibrio dei tridosha, il metabolismo ne viene drasticamente influenzato. I componenti del cibo rimangono non digeriti e non assorbiti, trasformandosi così in Ama che si accumuleranno nelle parti deboli del corpo in modo differente rispetto alla propria costituzione, dando origine alle malattie.”

Da un punto di vista stagionale, è sempre più comune associare la pratica di depurazione alla primavera.

Questo succede come conseguenza del fatto che nel corso dell’inverno tendiamo a diminuire l’attività fisica e la vita all’aria aperta, e che è più facile lasciarci andare ad eccessi alimentari, arrivando in primavera con un accumulo di tossine che, proprio come la neve che si scioglie al sole, il nostro corpo ha bisogno di eliminare.

…e poiché corpo e mente sono una cosa sola, quando ci prendiamo cura della pulizia dei nostri organi contribuiamo anche a fare una bella pulizia mentale ed emozionale, aiutandoci a rilasciare emozioni represse, pensieri inutili e/o ossessivi.

Dobbiamo considerare il fatto che le tossine sono create anche da fattori emotivi.

Secondo l’ayurveda, le emozioni represse creano uno squilibrio di Vata che a sua volta influenza Agni, che, come abbiamo visto, è responsabile della risposta immunitaria al corpo e funziona al meglio quando i Dosha sono in equilibrio.

Così, per esempio: la paura e l’ansia alterano la flora dell’intestino crasso mentre
l’ira repressa modifica completamente la flora della cistifellea, del condotto della bile e dell’intestino tenue.

Per questo motivo, quelle depurative non sono pratiche importanti da fare solo nei cambi di stagione, anzi; esse possono essere incluse nella nostra routine yogica soprattutto nei periodi emozionalmente intensi o di forte stress, come potrebbero esserlo la fine di una relazione, la perdita di una persona cara o di un caro animale domestico.

Come e perché yoga, ayurveda e meditazione aiutano a depurare l’organismo

La pratica regolare di yoga e meditazione ci permette di avviare un processo di detox psicofisico molto profondo.

In particolare, alcune specifiche posizioni, come quelle di torsione, agiscono a livello fisico
creando una leggera pressione che massaggia gli organi interni, e che fa in modo che quando le posizioni vengono rilasciate, una forte concentrazione di sangue ricco di nuovo ossigeno si espanda nel corpo, andando così a migliorare la vascolarizzazione e le funzionalità degli organi e, di conseguenza, migliorando le loro funzionalità ed il loro naturale processo di depurazione.

Lo yoga però, è molto di più del solo processo fisico di depurazione, in quanto la sua pratica porta molta attenzione ed importanza alla respirazione ed in particolare, attraverso una respirazione controllata, corretta, lenta e profonda, ci permette di influenzare il sistema nervoso, aiutandolo a ripristinare uno stato di equilibrio, così che ci sia più facile lasciare andare le tensioni mentali, gli stati d’ansia e favorire la calma e la concentrazione.

Anche le posizioni di equilibrio giocano un ruolo fondamentale in questo processo, poiché, da un punto di vista psicofisico, aiutano a creare radicamento e stabilità, qualità di cui abbiamo estremamente bisogno… specialmente quando dobbiamo affrontare dei cambi nella vita.

La pulizia del corpo è anche una delle norme morali fondamentali per il praticante che vuole progredire lungo il percorso dello yoga.

Questo concetto, in sanscrito, ovvero la lingua dello yoga, viene chiamato Saucha ed è una delle osservanze (nyama) che, secondo l’antico testo di riferimento Yoga sutra di Patanjali, il praticante dovrebbe osservare per evolvere e progredire nel cammino spirituale dello yoga.

“Il corpo è il tempio dello spirito: Conservalo pulito e puro per l’anima che vi risiede…. diceva un famoso maestro di yoga. (B.K.S. Iyengar)”

Quando parliamo di purezza del corpo, quindi, non parliamo solo di un benessere che si ripercuote a livello psicofisico, ma anche di una ricerca che rappresenta una prerogativa per evolvere nel cammino della pratica, per permettere alla purezza che appartiene al nostro essere più profondo di risplendere.

La purezza di corpo e mente sono quindi fattori indispensabili per, in un certo senso: “far uscire la parte migliore di noi” e poter vivere in pace con noi stessi ed in armonia con il mondo che ci circonda.

L’ayurveda aiuta e coadiuva lo yoga in questo processo, e lo fa dandoci dei consigli pratici, come quelli che vedremo in seguito, che si occupano più che altro della cura del corpo fisico.

Infine, in questo processo di depurazione la pratica della meditazione, è un po’ come se fosse la ciliegina sulla torta per la ricetta della depurazione fisica, mentale ed emozionale.

Infatti, se lo yoga rappresenta la parte di esercizio fisico e, grazie alla respirazione funge da ponte per poterci connettere con la mente con lo scopo di acquisire consapevolezza, e se l’ayurveda ci aiuta dandoci indicazioni pratiche per la cura del corpo, la meditazione contribuisce a fare pulizia emozionale permettendoci di comprendere e gestire in maniera più controllata i vari stati d’animo che affrontiamo nel corso della nostra vita.

Grazie alla pratica della meditazione è possibile imparare a riconoscere, comprendere e di conseguenza gestire i fattori che alimentano le condizioni di stress, diminuendo o eliminando le loro manifestazioni.

Questo succede non solo perché una mente più calma sarà una mente maggiormente in grado di prendere decisioni e affrontare situazioni, ma anche perché, a livello biologico, la pratica della meditazione regola la secrezione del cortisolo (l’ormone dello stress), e favorisce la produzione di seratonina (l’ormone della felicità).

Grazie a questo processo il sistema nervoso tende a rilassarsi, la mente diventa più tranquilla, e col tempo noi acquisiamo la capacità di mettere in fila i pensieri e di affrontare le situazioni in modo più organizzato.

Consigli yoga e ayurveda per la depurazione di corpo e mente

Passiamo ora ad una parte più “pratica” che potrebbe esserti d’aiuto tutto l’anno per aiutarti a mantenere corpo e mente puliti.

Utilizza un nettalingua

La pratica di pulizia della lingua, che in sanscrito viene chiamata “Jihva Moola Dhauti” è una tecnica di purificazione che fa parte degli Shatkarma, ovvero le sei tecniche di purificazione del corpo.

Consiste nell’abitudine di utilizzare quotidianamente uno speciale strumento per rimuovere la patina biancastra che solitamente si accumula sulla lingua. Lo so, l’argomento non è dei più gradevoli, ma è importante sapere che questa patina è formata dalle tossine e da altre sostanze di scarto chiamate “Ama” di cui il nostro corpo cerca di liberarsi durante la notte.

Leggi l’articolo dedicato per saperne di più: Il nettalingua: ecco come (e perché) utilizzarlo per l’igiene della tua bocca

Prenditi cura del corpo con l‘automassaggio

La pelle è l’organo più esteso del nostro corpo ed è anche uno degli organi maggiormente coinvolti nel processo di depurazione.

Prendere l’abitudine di concedersi un automassaggio, magari utilizzando un olio specifico per la propria costituzione ayurvedica, aiuta a mantenere la pelle pulita, idratata ed elastica, e contribuisce a stimolare il sistema linfatico per aiutarlo nelle sue funzionalità depurative.

Se vuoi approfondire, leggi l’articolo: Automassaggio Ayurveda: come fare e quali oli utilizzare

Porta consapevolezza nell’alimentazione

Lo yoga e l’ayurveda prestano particolare attenzione all’alimentazione. E’ più che evidente che se intraprendiamo un percorso depurativo, ma continuiamo ad ingerire alimenti in eccesso, o dal basso potenziale nutrizionale, non contribuiamo ad aiutare il corpo in questo processo.

In più, secondo l’ayurveda, è super importante prendersi cura del nostro fuoco digestivo, in quanto è lui l’incaricato di bruciare ama, ovvero le tossine che si accumulano nel corpo.

Gli antichi testi davano questa definizione:

“Lo yoga non è per colui che mangia troppo, e nemmeno per colui che mangia troppo poco.” (Bhagavad gita).

L’alimentazione quindi è considerata un mezzo per ristabilire equilibrio nel corpo. Sempre secondo la tradizione, e da un punto di vista ayurvedico, l’alimentazione di uno yogin si deve basare principalmente sul consumo di frutta e verdura di stagione e specifica per la propria costituzione ayurvedica.

Bisognerebbe prestare anche particolare attenzione a come mangiamo, cercando di masticare il cibo il più possibile.

Quello che la pratica dello yoga, e la comprensione dei suoi insegnamenti, farà è generare una maggiore sensibilità nei confronti di ciò che utilizziamo per alimentare il nostro corpo. (E anche verso la quantità di cibo che ingeriamo.)

Ma è un processo che fluisce naturalmente e non deve essere forzato.

Se vuoi approfondire questo aspetto, ti consigliamo di leggere l’articolo: Lo Yoga “ci cambia”! Ecco come, e perché…

Quando viene risvegliata in noi la consapevolezza che l’alimentazione è una questione davvero importante, e che il cibo non è solo una gratificazione emotiva, o un’azione con cui riempire un vuoto, ma è il nostro nutrimento e la nostra fonte di vita, si inizia a sviluppare il desiderio di vivere l’alimentazione in maniera differente, imparando ad ascoltarsi e scegliendo cibi sani che nutrono e ci fanno stare veramente bene.

Dedica del tempo al riposo

Come ormai abbiamo avuto modo di analizzare in moltissime occasioni, il benessere del corpo è strettamente correlato al benessere della mente. Molte volte ci prendiamo cura del corpo, ma siamo talmente presi dai nostri impegni quotidiani e dai ritmi frenetici della vita moderna che ci scordiamo che anche la nostra mente ha bisogno di riposo.

Il tempo dedicato al riposo è uno dei fattori indispensabili per la salute, e uno dei modi migliori per farlo, yogicamente parlando, è attraverso la pratica di yoga nidra che ha il grande vantaggio di aiutarci a rilasciare le tensioni a tutti i livelli: fisico, mentale ed emozionale.

La pratica consiste in un rilassamento guidato ed è fantastica in quanto, anche quando si ha poco tempo a disposizione, oppure quando non si ha voglia di srotolare il tappetino, è sufficiente sdraiarsi comodamente ed ascoltare la voce guida per avere una profonda sensazione di rigenero e ricarica.

Se vuoi provare, ti consiglio: Rilassamento guidato per rilasciare ansia e stress

Video pratica di yoga detox per la salute fisica e mentale

Se non vedi l’ora di iniziare ad aiutare il tuo organismo nel suo naturale processo di eliminazione delle tossine, abbiamo preparato una lezione che fa per te. Si chiama: Yoga detox per la salute fisica e mentale ed è una sequenza studiata appositamente per lavorare sui principali organi del corpo coinvolti nella depurazione.

Che ne dici, ti va di provare? Io non vedo l’ora di srotolare il tappetino assieme!

Programma yoga e meditazione depurazione completa

Per aiutare quindi il nostro corpo nel suo processo di depurazione, specialmente nei periodi in cui ci lasciamo andare ai peccati di gola, nei cambi di stagione, nei periodi di forte stress, dopo una convalescenza, e/o in seguito ad una lunga e cospicua assunzione di farmaci, o ancora, quando si avverte la necessità di fare “pulizia emozionale”, soprattutto dopo un periodo particolarmente intenso e difficile a livello emotivo, possiamo dedicarci ad un programma specifico di yoga e meditazione.

Per questo motivo, abbiamo realizzato un programma specifico di yoga e meditazione studiato appositamente per guidarti lungo una pulizia completa dei principali organi coinvolti nei processi depurativi del corpo.

Il programma è strutturato in sei settimane: ogni settimana lavoreremo con lezioni specifiche di yoga e meditazione per un determinato organo, mentre l’ultima settimana sarà dedicata ad una bella pulizia generale completa di tutto l’organismo.

Le lezioni sono così suddivise:

1. SETTIMANA: pelle e sistema linfatico
2. SETTIMANA: fegato
3. SETTIMANA: reni
4. SETTIMANA: stomaco e intestino
5. SETTIMANA: polmoni
6. SETTIMANA: pulizia generale

In questo modo potrai fare un percorso completo, profondo e, lezione dopo lezione, settimana dopo settimana, ritrovare la gioia di un corpo e mente sani.

Questo programma quindi è particolarmente utile per:

  • Migliorare le funzionalità degli organi
  • Contribuire a fare pulizia emozionale
  • Migliorare la qualità del sonno
  • Aumentare vitalità ed energia
  • Coadiuvare una dieta bilanciata per perdere peso
  • Migliorare la capacità di concentrazione
  • Diminuire i gonfiori, specialmente alle gambe
  • Migliorare l’umore e ridurre gli sbalzi d’umore

Se vuoi saperne di più, per iscriverti al programma o semplicemente curiosare le lezioni che ne fanno parte, dai un’occhiata a questa pagina: Programma yoga e meditazione depurazione completa

Ti sei mai chiesto come stanno i tuoi Chakra?

CHAKRA_TEST_2.0

Abbiamo creato un test simpatico e divertente in grado di aiutarti a capirlo.

Prova ora... è gratis! :)

4 commenti su “Yoga e depurazione completa per i cambi di stagione … ma non solo”

  1. Brava Laura, hai sempre n bel modo di proporre le sequenze, con precisione e competenza, complimenti

    Rispondi
    • Grazie a te Michela per le tue parole!
      Buona continuazione, un abbraccio

      Rispondi
  2. E stata una lezione meravigliosa io sono a casa per covid perciò mi è servito tantissimo grazie alla prossima ciao

    Rispondi
    • Grazie a te Floriana,
      mi fa molto piacere che ti sia stato utile.
      Buona continuazione

      Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti alla newsletter di Yoga n' Ride

...è il modo migliore per ricevere interessanti contenuti sul magico modo dello yoga, dell'ayurveda, e della meditazione

Cliccando sul pulsante accetti la Privacy Policy ed i Termini e Condizioni di Yoga n’ Ride.
Copy link