Quinto chakra: il chakra della gola

In questo articolo approfondiremo il quinto chakra, conosciuto anche come chakra della gola. Ecco qui gli argomenti che tratteremo:

Caratteristiche del quinto chakra

Il quinto chakra si trova all’altezza della gola, e per questo motivo è chiamato anche chakra della gola.

Il suo nome in sanscrito è Vishuddha, che significa: “puro”.

Esso rappresenta la nostra capacità di comunicare ed esprimere la nostra verità, dove la parola comunicazione va intesa non solo come “espressione di sé”, ma anche come capacità di ascoltare.

Il suo ruolo principale è quello di guidarci nell’ascolto interno ed esterno, e nella capacità di comunicare ed esprimere con accuratezza ciò che sentiamo, anche attraverso la creatività, intesa come capacità di affrontare la vita in modo differente, essendo aperti ad infinite possibilità e prospettive.

Il suo colore è l’azzurro, che trasmette un senso di tranquillità, calma e serenità.

Vishuddha è associato alla tiroide, ed è responsabile della salute e dell’attività di gola, collo, bocca, denti, mandibola, udito, esofago, parte alta dei polmoni, braccia.

La sua energia è associata all’elemento etere, ed è il primo dei chakra considerati “superiori”, quelli più legati all’aspetto mentale e spirituale.

Lavorare con il quinto chakra significa prestare attenzione al modo in cui comunichiamo e ci esprimiamo, partendo dall’ascolto di noi stessi attraverso il silenzio, passando all’ascolto degli altri ed infine arrivando all’espressione di ciò che siamo e sentiamo, riscoprendo la nostra voce per comunicare in modo consapevole, accurato, preciso e creativo, nonché ascoltando e accogliendo la verità degli altri.

Da un punto di vista evolutivo Vishuddha si sviluppa tra i 7 ed i 12 anni, attraverso la necessità di essere ascoltati e di ascoltarsi, nonché di trovare la propria voce ed espressione, attraverso l’acquisizione e lo sviluppo di capacità comunicative, anche creative, come la scrittura, il canto o la musica.

Sguardo d’insieme sul quinto chakra

  • Significato del nome: dal sanscrito vishuddihi – purificare
  • Zona corrispondente: gola, cervicale, zona della laringe
  • Parti del corpo: gola, collo, bocca, denti, mandibola, udito, esofago, parte alta dei polmoni, cervicale
  • Ghiandola corrispondente: tiroide, paratiroide
  • Colore: azzurro
  • Mantra: Ham
  • Elemento: etere
  • Funzione: comunicazione, creatività
  • Bloccato dalla: bugia
  • Diritti fondamentali: dire e ascoltare la verità
  • Cristalli: acquamarina, lapislazzuli, turchese, sodalite, celestite
  • Animali simbolici: elefante bianco
  • Aspetti interiori positivi: sicurezza nel parlare e nel tono di voce, capacità di comunicare liberamente ed armoniosamente, capacità di concentrazione ed apprendimento
  • Aspetti interiori negativi: intolleranza, sete di gloria e potere, accentuazione pensiero razionale
  • Disturbi fisici: mal di gola, malattie ai denti ed alle gengive, problemi alla zona cervicale, problemi alla tiroide, disturbi dell’udito
  • Disturbi psichici: timidezza, inibizione, incapacità di esprimersi, balbuzie, paura dell’isolamento
  • Affermazione: Io comunico, mi esprimo liberamente

Caratteristiche del quinto chakra in equilibrio

La voce è un valido indicatore dello stato di salute di questo chakra.

Infatti, una persona con una quinto chakra equilibrato, avrà una voce squillante e piacevole, dal ritmo naturale e parlerà con la giusta tonalità e volume.

Inoltre avrà delle buone capacità comunicative, non solo nell’esprimersi ma anche nell’ascoltare.

In genere una persona con il quinto chakra in equilibrio sa comunicare le proprie esperienze e verità in modo chiaro e accurato, e sa accogliere e riconoscere le verità altrui. Manifesta anche un buon senso del ritmo e del tempismo, e questa armonia gli consente di immergersi nelle profondità del mondo dei suoni, composto dalle parole e dalla musica

Caratteristiche del quinto chakra in disequilibrio

Da un punto di vista fisico un quinto chakra in disequilibrio può manifestarsi con problemi alla gola, alle orecchie, al collo ed alla voce.

Una persona che ha un quinto chakra carente avrà in genere una voce sottile, debole e stentata, e tenderà ad essere una persona piuttosto silenziosa.

Questa carenza si potrebbe manifestare inoltre con eccessiva timidezza e difficoltà ad esprimere le proprie idee, per paura di venire umiliati o ridicolizzati.

A volte questa carenza è solo un problema di comunicazione esterna, altre volte invece può essere anche di comunicazione interna, dove si può creare una sorta di separazione e disconnessione tra corpo e mente.

Non a caso, quando abbiamo difficoltà ad esprimere ciò che abbiamo dentro, proviamo un “nodo alla gola”.

Quando, al contrario, l’energia di questo chakra è in eccesso, non riusciamo a controllare le nostre parole, parliamo troppo e a vanvera, senza analizzare il senso di quello che diciamo.

Il parlare viene utilizzato come un mezzo per scaricare lo stress e come metodo di difesa per mantenere il controllo delle situazioni.

Una persona con un quinto chakra in eccesso potrebbe inoltre essere incapace di ascoltare, interrompendo in continuazione chi sta parlando per intervenire ed avere una voce dominante e acuta.

Ma cosa porta un quinto chakra a disequilibrarsi?

Ancora una volta, i motivi che portano a disequilibrare un chakra vanno cercati nell’infanzia.

Quando un bambino viene criticato eccessivamente, con un conseguente blocco della creatività, oppure non gli viene mai data la possibilità di rispondere e di esprimersi, l’energia del quinto chakra ne risente.

Inoltre, quando si è di fronte a segreti da mantenere, con conseguenti bugie da sostenere, ecco che la comunicazione viene compromessa, così come l’energia di Vishuddha.

La paura, il senso di colpa e la vergogna che derivano da situazioni in cui un bambino viene sgridato o non gli viene data la possibilità di rispondere e spiegarsi, ritrovandosi in una situazione di urla intorno e impotenza propria, sono alla base dei disequilibri di questo centro energetico.

Suggerimenti e consigli per riequilibrare il quinto chakra

Ma come recuperare, sbloccare e sviluppare le proprie capacità comunicative, in ascolto ed espressione, per poter riequilibrare il quinto chakra?

Ecco di seguito qualche suggerimento da poter applicare anche nella vita quotidiana per armonizzare l’energia di Vishuddha.

Utilizzo dei simboli: 

L’elefante bianco, simbolo di armonia e grazia, può essere utilizzato attraverso rappresentazioni artistiche, immagini, statue, etc.

Affermazioni:

Si possono utilizzare delle affermazioni per sintonizzare una frequenza equilibrata del quinto chakra, ripetendole durante la giornata o mettendo dei post-it sullo specchio del bagno o sul frigo per poterli leggere nell’arco della giornata, tra cui:

  • io ascolto e dico la verità
  • mi esprimo con chiaro intento
  • la creatività scorre in me e attraverso me
  • la mia voce e necessaria
  • io scelgo pensieri positivi e di luce
  • mi esprimo con sincerità e chiarezza

Attività:

Tra le attività che possiamo svolgere nella nostra quotidianità, ci sono: contemplare il cielo azzurro,  stare sulle rive di un lago o del mare.

Inoltre, si può utilizzare il colore azzurro nell’abbigliamento e nell’arredamento di casa, come ad esempio: utilizzando asciugamani azzurri in bagno. Altre attività per lavorare sull’aspetto comunicativo di questo chakra sono imparare nuove lingue o seguire corsi di canto, dizione, retorica.

In più, si possono sviluppare anche le capacità espressive in forma scritta, attraverso un diario, dove scrivere i nostri pensieri, emozioni, scoperte, etc.

Yoga, meditazione e mudra per il quinto chakra

Yoga

Lo yoga è un’ottima pratica per aiutarci a riequilibrare il quinto chakra, in quanto lavorando sia a livello fisico che energetico, agisce in maniera completa, risintonizzandoci sulla giusta frequenza.

Gli asana migliori per stimolare l’energia di Vishuddha sono quelli che lavorano con il collo e le spalle, poichè è proprio in questa zona del corpo che si trova Vishuddha e le relative ghiandole ad esso associate.

Se vuoi approfondire, ti suggeriamo di leggere il post Migliorare la flessibilità con lo yoga: spalle e collo

Meditazione 

Si può meditare utilizzando il mantra Ham, che da energia e armonia alla gola, oppure visualizzando il colore azzurro, simbolo di verità, purezza, pulizia e tranquillità.

Mudra 

Si può utilizzare il mudra dell’elemento etere (Akashi Mudra), che è molto utile per stimolare l’attività del cervello, calmare le emozioni e creare equilibrio interiore.

Se vuoi passare alla pratica, srotolando il tappetino, ti consiglio di provare la lezione gratuita Mettiti a posto i Chakra, nella quale faremo un bellissimo viaggio nel corpo attraversando tutti i Chakra

Test: hai i chakra sballati?

CHAKRA_TEST_2.0

Questo test, facile e divertente, ti aiuterà a comprendere come stanno i tuoi chakra

Puoi ripetere questo test tutte le volte che vorrai perché i nostri chakra, che ci piaccia o no, si sballano spesso. 🙂

Quindi, anche se leggendo il risultato ti capiterà di scoprire che hai qualche disequilibrio nei tuoi chakra, ti consiglio di evitare di rimanerne deluso o leggerlo come una carenza, ma anzi!

Prima di passare alle domande ti suggerisco di leggere l’introduzione che trovi all’inizio del test, che abbiamo scritto con l’intenzione di aiutarti a capire qual’è la natura di questo test.

Programma Yoga e Meditazione per tutti i chakra

Questo programma è ideale da fare quando senti il bisogno di “metterti a posto i chakra”. 

Lo consiglio a chi sente la necessità di riportare equilibrio nei vari centri energetici, o in generale se si vuole approfondire questo argomento attraverso la pratica dello yoga.

Il programma è composto da lezioni yoga e meditazioni studiate appositamente per lavorare su un chakra specifico.

Seguendole in ordine progressivo, avrai la possibilità di compiere uno straordinario viaggio alla scoperta delle energie che scorrono all’interno del tuo corpo, e di praticare alcune delle migliori tecniche che lo yoga e la meditazione ci mettono a disposizione per prenderci cura dei chakra “sballati”.

Ogni settimana lavoreremo con un chakra differente. In questo modo, poiché ogni centro energetico è relazionato ed influenza anche gli altri, avrai la possibilità di fare un lavoro completo e bilanciato.

Per questo motivo, anche se dal test è risultato un disequilibrio di un solo chakra, per riportare armonia in quel chakra è comunque importante lavorare su tutti quanti i centri energetici.

Iscrivendoti al programma, riceverai una e-mail ogni 7 giorni, con un approfondimento sulle caratteristiche del chakra con il quale andremo a lavorare e le relative lezioni e sarai tu in base al tempo che hai a disposizione, al tuo stato d’animo, ed alle tue preferenze a decidere come, quanto e quando praticare.

Noi ti metteremo a disposizione una serie di lezioni di stili e durata differenti che potrai combinare in funzione delle tue esigenze, ad esempio:

  • Hatha yoga per il primo chakra (15 min)
  • Hatha yoga per il primo chakra (1 ora)
  • Yin yoga per il primo chakra  (1 ora)
  • Meditazione per il primo chakra (10 minuti)
  • Meditazione per il primo chakra (20 minuti)
  • Meditazione per il primo chakra (30 minuti)

In questo modo, chakra dopo chakra, settimana dopo settimana, avrai la certezza di aver fatto un lavoro completo, sia a livello fisico che mentale oltre che aver ascoltato le esigenze del tuo corpo alternando la pratica tra esercizio fisico e rilassamento.

Conclusione

Ed ora che hai tutti gli strumenti per riportare in equilibrio e armonia il quinto chakra, non ti resta che condividere questo post, per sperimentare l’efficacia delle tue nuove capacità comunicative.

 Per una visione più generale sui chakra, ti suggeriamo di leggere l’articolo Cosa sono i Chakra, come funzionano e perché possono aiutarci a migliorare il nostro benessere psico-fisico

Bibliografia

Atlante dei Chakra di Kalashatra Govinda
Il libro dei Chakra di Anodea Judith
Il corpo sottile di Cyndi Dale
Mudra lo yoga delle mani di Gertrud Hirschi

Ti sei mai chiesto come stanno i tuoi Chakra?

CHAKRA_TEST_2.0

Abbiamo creato un test simpatico e divertente in grado di aiutarti a capirlo.

Prova ora... è gratis! :)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy link