Lo sapevi che è possibile respirare anche nella schiena, e che farlo ti aiuta ad eliminare lo stress?

Balasana, ovvero la Posizione del bambino, è uno degli asana di rilassamento più utilizzati nelle sequenze di yoga, ed è così diffusa proprio perché in pochi minuti è in grado di generare uno stato di profondo rilassamento.

Nella mia esperienza personale questa posizione ha avuto un ruolo molto importante, perché mi ha aiutato a capire come utilizzare il respiro per sciogliere le tensioni nel corpo… ed è stato allora che ho iniziato a percepire di stare veramente praticando yoga.

Come si fa

Balasana-Posizione-del-bambino

  • Portati in ginocchio, con le gambe separate alla larghezza dei fianchi.
  • Unisci gli alluci dei piedi.
  • Inspira.
  • Espirando siediti sui talloni.
  • Inspirando, solleva le braccia sopra la testa.
  • Espirando piegati in avanti.
  • Inspirando profondamente, cerca di allungare la colonna.
  • Espirando porta le braccia lungo il corpo, con i palmi delle mani rivolti verso l’alto.
  • Rilassa il collo e le spalle.
  • Inspirando senti l’addome che spinge contro le cosce e cerca di dirigere il respiro nella parte alta della schiena.
  • Espirando lascia cadere le spalle e svuota completamente l’addome.

Questa è la posizione del bambino!

Ciò che devi fare, come sempre quando pratichi gli asana, è mantenere l’attenzione al respiro, cercando di renderlo sempre più profondo. In questo modo ti risulterà più semplice seguire il percorso dell’aria e riuscire a dirigere il respiro nella parte alta della schiena.

Se avverti particolari tensioni, prova a dirigere il respiro in quelle zone del corpo.
Già dopo quattro o 5 respirazioni profonde dovresti avvertire una sensazione di sollievo e di rilassamento profondo.

Durante l’esecuzione fai in modo di non creare tensioni nel collo e nelle spalle.

Come uscire dalla posizione:

  • Quando vuoi uscire dalla posizione, avvicina le mani all’altezza delle ginocchia.
  • Inspirando spingi sui palmi delle mani e solleva il busto, distendi e allunga le braccia verso l’alto.
  • Espirando unisci i palmi delle mani davanti al cuore.

Altri contenuti utili: Cosa sono gli asana, perché funzionano e come praticarli

Benefici

Se hai provato ad eseguire la posizione del bambino, avrai capito che è molto utile a sviluppare la consapevolezza del respiro nel corpo. Tuttavia questa posizione ha molti altri benefici:

  • Riduce l’affaticamento e lo stress.
  • Allevia le tensioni nella schiena, e il mal di schiena in generale.
  • Allevia il mal di testa.
  • Aiuta alleviare i crampi mestruali.
  • Rilassa gli organi addominali.
  • Rilassa le spalle, il collo e la schiena.
  • Allunga i muscoli dei fianchi, cosce e caviglie.
  • Allunga i muscoli, tendini e legamenti delle ginocchia,
  • Aiuta a controllare gli stati emotivi alterati
  • Facilita l’introspezione ed offre un tempo lontano da stimoli visivi.

Quando fare Balasana

La posizione del bambino puoi farla ogni volta che vuoi… ma sempre a stomaco vuoto mi raccomando!

In una sequenza di yoga completa, Balasana si usa come posizione di rilassamento tra un asana principale ed un’altro, per cui può essere ripetuta anche più volte all’interno di una stessa sequenza.

La posizione del bambino è un ottimo asana da fare anche tutti i giorni, soprattutto quando ti senti stanco, stressato, nervoso, quando hai mal di schiena o mal di testa.

Varianti

Come diceva Patanjali, il filosofo indiano autore degli Yoga Sutra: “ogni posizione deve essere comoda e confortevole.”

Purtroppo non tutti riescono facilmente a mettersi nella posizione “ideale” di Balasana, per questo esistono delle varianti che ti aiuteranno ad eseguirla.

Vediamo quali sono:

  • Se quando ti siedi sui talloni avverti troppa tensione nelle gambe, utilizza un cuscino da mettere tra le cosce e i polpacci.
  • Se avverti troppa tensione nell’addome, separa le ginocchia.
  • Se quando ti pieghi in avanti avverti troppa tensione nella schiena, scendi appoggiando le mani al pavimento e facendole scivolare poco alla volta in avanti.
  • Per allungare i muscoli delle spalle, distendi le braccia in avanti.
    (In questo caso si chiama posizione della lepre o Shashankasana.)
  • Se quando ti pieghi in avanti non riesci ad appoggiare la fronte al pavimento, puoi utilizzare un cuscino a cui appoggiarla.

Controindicazioni

Esistono alcune situazioni particolari in cui è meglio evitare di fare Balasana… o eseguirla prestando particolare attenzione.

Vediamo quali sono:

  • Problemi alle ginocchia: in questo caso puoi aiutarti mettendo dei cuscini sotto le ginocchia. E’ ovvio che se non ti è possibile piegarle, per lesioni, interventi chirurgici o altro, è meglio evitare di farla.
  • Lesioni o problemi cronici al bacino: in questo caso è meglio scegliere per una posizione di rilassamento più facile come Shavasana.
  • In gravidanza: eventualmente esegui la variante con le ginocchia divaricate. Ad ogni modo, la posizione non dovrebbe mai comprimere l’addome.
  • Diarrea. (E qui direi che posso evitare spiegazioni dettagliate… )
  • Ipertensione: eventualmente eseguila utilizzando un blocco o un cuscino da appoggiare sotto la testa, in modo che sia in linea con il cuore.

Sono sicura che se inizierai a praticare Balasana… non ti fermerà più nessuno, e che con quanto più lo più la praticherai, quanta più voglia ti verrà di farla. E la tua schiena ti ringrazierà!

Spero che la prossima volta che rientrerai a casa stanco morto, dopo una giornata di lavoro, ti ricorderai di “fare po’ il bambino”,  prima di ritornare nella tua stressata vita da grande.

Spero anche che ti ricorderai di condividere questo post… farai di me una bambina felice!! 🙂

P.S. Nella foto di copertina la grandissima Audrey Hepburn 

Immagini tratte da Google immagini