Ti è mai capitato di perderti a fissare il fuoco?

Di passare interi minuti a guardare le fiamme che ardono nel camino, di pensare a un sacco di cose, e di non ricordarne nemmeno una? Bene, tanto per cambiare, senza saperlo, stavi facendo Yoga.

Nello specifico stavi eseguendo Trataka, che tradotto sarebbe: “fissare stabilmente una cosa”. Una pratica che appartiene all’universo delle tecniche yoga di purificazione del corpo, e che in sanscrito si chiamano shatkarma. 

Trataka consiste nel mantenere lo sguardo fisso sulla fiamma di una candela; questa semplicissima e potente tecnica serve per rilassare la mente agitata e aiuta a sviluppare la concentrazione.

Quando guardiamo la fiamma di una candela o del camino, la nostra mente ne è completamente catturata ed entra in uno stato di meditazione. La mente, semplicemente, osserva.

Questo meccanismo arresta il flusso dei pensieri, e conduce ad uno stato di calma e rilassatezza totale.


Per questo Trataka è utilizzata per sviluppare la concentrazione, ed è molto utile anche per aumentare la stabilità nervosa, per correggere alcune debolezze e alcuni difetti degli occhi, come la miopia, e, perché no, anche per rilassare gli occhi stanchi dopo una lunga giornata passata davanti al monitor.

Il momento migliore per praticarla è al mattino, ma può essere fatta in qualsiasi momento della giornata, meglio se a stomaco vuoto. Se eseguita per 15 minuti prima di andare a dormire, aiuta ad eliminare l’insonnia.

Ma come si fa?

Te lo spiego subito:

  • Mettiti seduto, in una posizione comoda, a gambe incrociate, e con la colonna vertebrale diritta.
  • Cerca di essere il più comodo possibile e, se necessario, sistema dei cuscini sotto le ginocchia e sotto il sedere.
  • La posizione dovrebbe essere mantenuta stabile e immobile per tutta la durata della pratica.
  • Appoggia di fronte a te una candela accesa, sistemala all’altezza degli occhi ad una distanza di circa 70 cm.
  • Rilassa le mani sulle ginocchia, chiudi gli occhi, e inizia a prestare attenzione al processo naturale del tuo respiro.
  • L’aria entra ed esce solo attraverso le narici.
  • Quando il respiro sarà rilassato, apri gli occhi e fissa la candela nel suo punto più luminoso, proprio sopra la cima dello stoppino.
  • Rimani ad osservare la fiamma con concentrazione totale, evitando di muovere le pupille e di sbattere le ciglia.
  • Non preoccuparti se dopo qualche minuto gli occhi cominceranno a lacrimare.
  • A quel punto, chiudili e rimani ad osservare l’immagine complementare della fiamma che si riflette sulla retina.
  • Osserva il punto luminoso, che può manifestarsi in diverse forme e colori, generalmente un piccolo ovale rosso o verde.
  • Non appena svanisce l’immagine, riapri gli occhi e torna ad osservare la fiamma della candela.

Il tempo di pratica ideale è di 15 20 minuti.

Anche in questo caso, vale la regola d’oro dello yoga:

Ciò che importa non è quanto tempo dedichiamo ad una pratica, ma la concentrazione e l’attenzione con cui lo facciamo.

Se non hai tutto questo tempo a disposizione, puoi dedicarti a Trataka anche solo per 5 o 10 minuti.

In alternativa alla candela, puoi fissare un punto nero su un foglio bianco, la luna piena, la punta del naso o un qualsiasi oggetto lucente ma che non sia eccessivamente luminoso…

Facci sapere se funziona!

Buona pratica,

Keep riding!